Come scegliere le fedi nuziali e sopravvivere

17 febbraio 2020


Fede mantovana, francesina, modello comodo, oro giallo, oro rosso, oro rosa, oro bianco, lavorazioni, tradizione, personalizzazione... sei già confusa? Benvenuta nel momento più stressante dell'organizzazione del matrimonio: la scelta delle fedi. Perché se decidere di stare con la stessa persona per tutta la vita è un passo importante, anche decidere di indossare lo stesso anello nuziale ogni santo giorno lo è.


Come scegliere le fedi, perché è così difficile?

Io non so se sia così per tutte le coppie di sposi, ma per noi questa è stata senza dubbio la parte più difficile: scegliere le fedi. Abbiamo cambiato idea almeno una decina di volte tra materiali, lavorazioni, colorazione dell'oro, stile, marchio. E al momento in cui scrivo, mancano un centinaio di giorni alle nostre nozze, non abbiamo ancora ordinato le nostre fedi. Ma perché è così difficile? Perché ehi, a parte il marito/la moglie, l'anello nuziale è l'unica cosa con cui dovrai veramente convivere ogni santo giorno della tua vita. Mica è cosa da poco. 
L'abito da sposa lo indossi quel giorno e via, il menù una volta digerito è andato (lo so, non è carino da dire ma è così), il segnaposto, il centrotavola e la bomboniera spariranno nei ricordi dei tuoi invitati dopo qualche settimana (di nuovo, non è carino da dire ma... andiamo, tu ti ricordi tutti i centrotavola di tutti i matrimoni a cui sei stata invitata?). Solo 3 cose resteranno per sempre nella tua vita, o almeno si spera:
- tuo marito/tua moglie,
- il tuo status giuridico e religioso che è cambiato per sempre,
- la fede nuziale.
Ora capisci la mia perplessità?




5 domande da porvi per scegliere la fede

1. Che materiale scegliere? L'oro giallo è quello della fede classica, che la indossi all'anulare sinistro e urla a chiare lettere SONO SPOSATO. Ma se l'oro bianco sta bene su tutto, quello rosa e quello rosso sono meno appariscenti, l'argento è meno costoso, materiali innovativi come il legno, la porcellana, il titanio sono originali e senza dubbio vi identificano come una coppia non convenzionale. E quindi la domanda da porvi veramente è: che coppia siete?
2. Quando la indosserete? La fede nuziale si porta sempre, tutti i giorni e tutte le notti, finché morte non vi separi. Almeno, così dice la tradizione. Ma chi se ne frega della tradizione! VOI, quando la indosserete? Che lavoro fate, che vita conducete, fate sport all'aria aperta, praticate attività che vi impediscono di portare gioielli, non riuscite a dormire con un anello al dito? Ricordate che niente di tutto questo è sbagliato, potete indossare la vostra fede tutti i giorni o scambiarvela il giorno delle nozze e poi chiuderla nel cassetto per sempre. Non è un cerchietto d'oro al dito a rendervi marito e moglie. 
3. Cosa vi fa sentire a vostro agio? Se fate parte della categoria fede-sempre-e-comunque, ogni volta che provate un nuovo modello consideratelo nelle diverse situazioni di vita quotidiana. Se la fede nuziale diventa parte integrante della vostra mano sinistra, deve essere confortevole in ogni senso. 
4. Cosa vi piace? Non sarà solo il vostro anulare sinistro ad avere a che fare con la fede nuziale ogni giorno, ma anche il vostro sguardo. Nello scegliere le fedi chiedetevi mi piacerebbe vedere questo anello ogni giorno?
5. Cosa incidere sulle fedi? Una volta scelti i vostri anelli nuziali nella forma, nel materiale e nel colore che preferite, c'è un'ultima cosa a cui pensare: l'incisione interna. Il segreto che resterà vostro per sempre, più vicino alla pelle. La tradizione vuole che ogni sposo abbia all'interno della propria fede il nome dell'altro e la data del matrimonio, ma se avete una frase, una parola, un simbolo che vi identifichi come coppia, questo è il momento di usarlo. 


Posta un commento

La mia gallery su Instagram