Game of Thrones 8x04, recensione, 38 dettagli e teorie sulla puntata

7 maggio 2019


Questa settimana Game of Thrones 8x04 ci ha finalmente regalato tutto quello che amiamo (e che amiamo odiare) in questa serie tv: c'è stata emozione e ci sono stati i tradimenti, c'è stato il sesso e c'è stata la violenza, ci sono stati i segreti e i complotti. Allo stesso tempo, molti fan sono rimasti delusi da questo episodio. Mancano solo due puntate alla fine del Trono di Spade (almeno in tv) e molti archi narrativi sembrano essere stati abbandonati o del tutto distrutti. Ma forse non è così. Ecco un'analisi della quarta puntata di Game of Thrones 8, con 38 dettagli e tutte le teorie che potrebbero esservi sfuggite. 

ATTENZIONE SPOILER!!!

1. Il titolo. La puntata 8x04 si intitola "The last of the Starks" o "Gli ultimi Stark". Frase pronunciata da Arya e che in qualche modo getta un'ombra sulla famiglia per cui finora la maggior parte del pubblico ha fatto il tifo. Il concetto del mettere la famiglia sopra chiunque altro e considerare tutti i non appartenenti al proprio albero genealogico come nemici è infatti solitamente legato ai Lannister, e in particolare a Cersei, Tywin e Joffrey.

2. L'intro della quarta puntata mostra ancora una volta i cambiamenti avvenuti dopo la Battaglia di Winterfell nell'episodio 3. Il castello mostra i segni della sanguinosa battaglia, dentro e fuori, e le pire funerarie si ammassano a decine davanti Grande Inverno. 

3. La scena del funerale è particolarmente toccante. I corpi dei personaggi morti durante la battaglia con il Re della Notte (Jorah, Theon, Beric, Ed, Lyanna e moltissimi Dothraki, Immacolati, Bruti e uomini del Nord) vengono bruciati, usanza non tipica degli Stark. Ognuno dei personaggi principali ha un attimo per dire addio a qualcuno che ha amato e che è caduto in battaglia e ciò vale in particolare per Sansa, che dona al corpo di Theon la spilla con il metalupo degli Stark. Riportando ancora una volta l'accento sul gruppo familiare, il "branco" che si assottiglia sempre di più.



4. L'elogio funebre di Jon riprende quasi parola per parola quello di Maestro Aemon per onorare i Guardiani della Notte caduti nella battaglia con i Bruti, durante la stagione 4. 

5. Durante il banchetto che segue il funerale, Tyrion e Bran hanno ancora una volta occasione di parlare da soli. Durante questo dialogo viene nominata la sella che Tyrion fece costruire per il ragazzo reso storpio da suo fratello nella stagione 1. 

6. In questa occasione viene nominato Daeron Targaryen, un re vissuto 120 anni prima. Curiosamente, il re conosciuto come il Giovane Drago viene nominato da Jon come uno dei suoi eroi nel primo libro, per aver conquistato Dorne a soli 14 anni. A questo, lo zio Benjen risponde "Conquista durata una sola estate. Il tuo re ragazzino perse diecimila uomini nell'assalto, e altri cinquantamila cercando di respingere il contrattacco. Qualcuno avrebbe dovuto dirgli che la guerra non è un gioco". Un elemento che si ricollega alla fretta che Daenerys mostra successivamente nel voler proseguire la guerra contro Cersei. 

7. Bran e Tyrion parlano anche di chi sia il Lord di Grande Inverno e, dopo aver guardato dietro di sé verso il tavolo d'onore, Bran dice "Non dovresti invidiarmi". Forse un riferimento al fatto che il prossimo Lord di Winterfell, accanto a Sansa, sarà proprio Tyrion?

8. Tyrion, Jaime, Brienne e Podrick giocano durante il banchetto a un gioco che abbiamo già visto: nella prima stagione tra Tyrion, Bronn e Shae e nella sesta tra Tyrion, Missandei e Verme Grigio. 




9. Durante il gioco, ritornano a galla particolari su Brienne e Tyrion che conosciamo dalle stagioni precedenti e dai libri. Di Tyrion viene raccontato il precedente matrimonio (che nei libri provoca una frattura con il fratello Jaime); di Brienne il fatto che sia figlia unica (quindi non il valonqar che, secondo la profezia, ucciderà Cersei); che abbia ballato con Renly Baratheon come racconta a Pod nella stagione 5; che sia vergine. Nei libri viene infatti definita la Vergine di Tarth. 

10. Durante il suo discorso in favore di Jon, Tormund dice che solo "un pazzo o un re" potrebbe cavalcare un drago, frase che preoccupa Daenerys in merito alla sua pretesa al trono. Inoltre, viene di nuovo nominata la resurrezione di Jon nella sesta stagione. 

11. In questa scena è possibile vedere gli autori della serie, David Benioff e D. B. Weiss, abilmente camuffati da Bruti che bevono insieme a Tormund. Un altro particolare è un bicchiere di Starbucks, visibile sul tavolo d'onore davanti a Daenerys ed evidentemente lasciato lì per errore dalla produzione.

12. Brienne volta letteralmente le spalle a Jaime diverse volte nel corso della serie e lui viene inquadrato sempre fermo in piedi a guardarla (l'ultima volta nell'episodio 8x02). Questa è la prima volta che il cavaliere decide di seguirla. 

13. Durante il tanto atteso incontro tra Sansa e il Mastino, finalmente avvenuto nella quarta puntata di Game of Thrones 8, i due personaggi ripercorrono diversi momenti del loro arco narrativo, compresa la paura della ragazza nella prima stagione e il tentativo di lui di salvarla da Approdo del Re nella seconda. Viene fatto cenno anche ad "un'unica cosa che renderebbe felice il Mastino", cioè uccidere suo fratello. 

14. Quando Gendry propone ad Arya di sposarlo e diventare Lady di Capo Tempesta insieme a lui, la sua risposta "That's not me" (Non fa per me) riprende un dialogo con Ned nella prima stagione. Durante l'incontro con Nymeria nella stagione 7, Arya chiede al suo metalupo di tornare insieme a casa a Grande Inverno e lei si rifiuta. Rendendosi conto che Nymeria è fatta per stare all'aria aperta, libera e selvaggia, Arya ripete "That's not you".

15. Nella scena tra Jaime e Brienne, lui dice di "non aver mai giaciuto con un cavaliere prima d'ora". In realtà, Jaime non ha mai giaciuto con nessuno che non fosse Cersei, rimanendole sempre fedele e rifiutando qualunque altra donna sia nei libri di George R. R. Martin che nella serie tv. 



16. Nell'incontro tra Jon e Daenerys, appare chiaro anche a lei il percorso narrativo di Jon. Sempre scelto democraticamente (prima come Lord Comandante dei Guardiani della Notte, poi come Re del Nord), indipendentemente dalla sua volontà. Va ricordato che Jon viene scelto come leader indipendentemente dal suo (apparente) stato di bastardo, motivo per cui la sua pretesa al trono sarebbe in effetti irrilevante qualora fosse di nuovo il popolo a scegliere. 

17. Daenerys parla del trono come di ciò che è suo, riecheggiando così le parole del fratello Viserys nella prima stagione.

18. Durante il consiglio di guerra, Daenerys dice di voler estirpare Cersei "root and stem" cioè "radici e tronco". Sono esattamente le stesse parole che usa Arya, nelle vesti di Walder Frey, nel massacrare i responsabili delle Nozze Rosse nella puntata 7x01.

19. In questa puntata di Game of Thrones si fa per la prima volta riferimento al nuovo principe di Dorne, un personaggio attorno al quale, nei libri, ruota un'intera sottotrama e che potrebbe apparire nelle prossime puntate. 

20. Con tutti gli Stark riuniti nel Parco degli Dei, Arya sostiene che Daenerys "non è una di loro", sottolineando ancora il tema del branco e dell'esclusività familiare a cui allude il titolo della puntata 8x04




21. Quando entra a sorpresa interrompendo Tyrion e Jaime, Bronn dice a quest'ultimo che "sapeva che si sarebbe sco***o Brienne". In effetti, lo dice a Podrick nella puntata 6x08, mentre Jaime e Brienne sono nella tenda di lui durante l'assedio di Delta delle Acque. Bronn dice anche che sono entrambi alti e biondi, "dev'essere come guardarsi allo specchio". Curiosamente, Jaime ha sempre creduto che stare con Cersei fosse come guardarsi allo specchio. 

22. Tyrion dice a Bronn che "Il potere risiede dove gli uomini credono che il potere risieda". Si tratta di una frase detta da Varys allo stesso Tyrion, nella stagione 2. 

23. Tyrion ripete a Bronn anche la sua proposta della puntata 1x08: "Se qualcuno dovesse pagarti per uccidermi, ricorda che io raddoppierei il prezzo".

24. Arya e il Mastino si ritrovano ancora una volta a cavalcare insieme sulla Strada del Re, ed entrambi dichiarano di avere "affari in sospeso" nella capitale. Il Mastino si riferisce ovviamente ad uccidere la Montagna, che si trova anche sulla lista di Arya insieme a Cersei. Tuttavia, non si può escludere che Arya sia stata mandata da Sansa ad uccidere Daenerys. 

25. Il Mastino chiede ad Arya se "stavolta lo lascerebbe morire, se venisse ferito". Si riferisce alla puntata 4x10 in cui, dopo lo scontro con Brienne, ha chiesto alla ragazza il dono della misericordia e lei si è rifiutata. Ciò si ricollega alla quotatissima teoria del Cleganebowl che, secondo me, finirà con una ferita mortale al Mastino e Arya che gli donerà, finalmente, una morte veloce.

26. Sansa dice a Tyrion che "gli uomini della sua famiglia non fanno una buona fine al sud". Effettivamente, ogni singolo uomo Stark che sia stato al sud non è mai tornato vivo, nella serie tv così come nei libri e negli spin-off di George R. R. Martin. Ad eccezione di Jon che, però, non è uno Stark. 

27. Sansa è un'allieva dei più grandi maestri dell'inganno: Ditocorto e Cersei e, in qualche misura, ha visto all'opera anche Tyrion e Varys. Lei stessa ha detto nella puntata 7x07 di essere "lenta a imparare, ma impara". Ha imparato, infatti, che la merce più preziosa sono le informazioni, soprattutto se messe nelle mani giuste. In questo caso, quelle di Tyrion di cui avverte la paura e l'incertezza nei confronti di Daenerys. 

28. Dirigendosi verso Approdo del Re, Jon decide di lasciare Spettro con Tormund perché torni oltre la Barriera. I metalupi sono molto più che animali domestici per Jon e i ragazzi Stark: nei libri, tutti sono in qualche modo dei metamorfi e riescono a "entrare" nella mente dei propri animali, e ognuno di loro ha sperimentato momenti terribili e si è indurito dopo aver perso il proprio metalupo. Ciò fa presupporre un'imminente seconda morte di Jon. 

29. Quando Gilly rivela di essere incinta, dice che se fosse maschio chiamerebbe il suo bambino Jon. Un altro segnale della possibile dipartita del personaggio. 

30. In questa puntata Cersei e Daenerys indossano entrambe abiti di colore rosso. Oltre ad essere un colore delle loro Casate (insieme all'oro per i Lannister e al nero per i Targaryen), è il colore del fuoco e del sangue che entrambe minacciano di scatenare sulla capitale. 




31. Cersei rivela ad Euron di essere incinta, ma il bambino che porta in grembo è in realtà di Jaime.

32. Quando viene fatta prigioniera dalla flotta di Euron, Missandei si ritrova in catene. Ciò la riporta alla condizione di schiava dalla quale Daenerys l'ha liberata nella puntata 3x03

33. Varys dice a Tyrion che "i tiranni parlano sempre di destino". Avendo servito il Re Folle, il maestro delle spie sta qui tracciando una linea diretta con Daenerys e la sua rapida discesa nella follia. 

34. Jaime decide di lasciare Brienne non dopo aver saputo che tutto l'esercito sta andando ad uccidere Cersei, ma dopo aver scoperto dell'imboscata ai danni di Daenerys. Non è l'incolumità della sorella a preoccuparlo, quanto le conseguenze della guerra tra le due regine. Non a caso, prima di andare via lo vediamo fissare il fuoco, probabilmente ricordando il Re Folle che voleva "bruciarli tutti" e decidendo di fermare la Regina che intende fare lo stesso (Ma quale? Daenerys ha i draghi e Cersei ha l'altofuoco). 




35. Per convincere Brienne a non seguirlo, Jaime ripete tutte le cose che ha fatto per amore di Cersei. Omette, invece, quelle che ha fatto per amore di Brienne stessa. 

36. Tyrion dice a Cersei "il tuo regno è finito, ma questo non vuol dire che debba finire anche la tua vita", la sorella sembra cedere per poi cambiare idea. È proprio lei, nella puntata 1x07, a pronunciare la celebre frase "When you play the game of thrones you win or you die. There's no middle grund". Per lei è o il trono o la morte. 

37. L'ultima parola di Missandei prima di essere decapitata dalla Montagna è Dracarys. L'ordine che Daenerys dà ai suoi draghi per "bruciarli tutti", ma anche la parola che ha segnato la fine della schiavitù per Missandei, Verme Grigio e gli altri schiavi di Essos. Un urlo di vendetta, ma anche di libertà. 




38. Secondo alcuni fan, nell'ultima inquadratura gli occhi di Daenerys sarebbero verdi, il che farebbe pensare a lei come una possibile vittima di Arya. Daenerys, però, ha sempre avuto gli occhi azzurro-verdi nella serie tv e viola (come tutti i Targaryen purosangue) nei libri di Martin.



Molti fan hanno criticato questa puntata per la distruzione degli archi narrativi di personaggi come Jaime, Daenerys, Jon. Va ricordato, però, che non tutto quello che vediamo può essere interpretato in maniera superficiale e che la scrittura di David Benioff e D.B. Weiss è ben diversa da quella di George R. R. Martin. Non ci resta che aspettare le ultime due puntate di Game of Thrones


Posta un commento

La mia gallery su Instagram