Moda, styling e serie tv: la stilista emergente Alessia Avellone mescola fantasy e pop

29 giugno 2018


Dalle guerre del Trono di Spade alle vicende romanticamente fantasy di Outlander, il genere fantasy non è mai stato più pop. Libri, serie tv e film fantasy arricchiscono ogni giorno il nostro immaginario con creature fantastiche, tiranni crudeli, eroi combattenti. E i loro splendidi, drammatici costumi. Lo styling di una serie tv fantasy è l'obiettivo ultimo di Alessia Avellone, una stilista emergente siciliana che ho avuto il piacere di conoscere attraverso i suoi primi lavori di moda fantasy e pop
Lo stile eccentrico di Alessia Avellone è percorso da tocchi dark, resi con abiti e accessori stranianti, il cui design sembra uscito da un sogno (o da un incubo?) di mondi lontani e fantastici. La giovane stilista palermitana parte da una reinterpretazione del costume storico in chiave onirica e oscura, che deforma i volumi e li esaspera. I toni sono cupi: viola intenso, rosso sangue e un profondissimo blu sono meravigliosamente esaltati dal bianco e dal nero. Pattern tradizionali come il pied de poule e il tartan si mescolano a delicate quanto oscure fantasie floreali. Non c'è distinzione tra maschile e femminile, tra luce e oscurità, nello styling curato fino all'ultimo dettaglio. Ed è proprio nello styling che si esprime pienamente il talento di questa giovane designer, classe 1994, che ha forgiato la sua creatività all'Accademia Euromediterranea Harim di Catania. Della scuola ha colto ogni opportunità, misurandosi in concorsi prestigiosi come "Wurth - Modyf", "Fashion for Breakfast" e "Un talento per la scarpa - Once upon a time: the shoes". Esperienze che l'hanno portata a contatto con brand di successo nel mondo della moda, da Pollini a Casadei solo per citarne alcuni. Fino alla realizzazione della sua prima collezione di moda ispirata al fantasy e al costume storico, "Andréas". La figura centrale della collezione autunno inverno di Alessia Avellone è Andrea Sperelli, incarnazione della moda dissoluta di fine Ottocento. Tocchi rock, romantiche rouches e applicazioni di fiori danno corpo a una collezione destrutturata, in cui ogni capo perde la propria linea tradizionale a favore di volumi oversize e proporzioni esasperate. 
Il risultato è una collezione che ricorda i mondi onirici e impossibili delle serie tv fantasy che fanno sognare in tutto il mondo, rese contemporanee da dettagli pop e interpretazioni personali. 
Per sapere di più sulla vena creativa e la carriera in ascesa di Alessia Avellone, date un'occhiata al suo profilo instagram











Post sponsorizzato.

La mia gallery su Instagram