Borse da sera - 50 clutch e pochette per le feste

18:23:00 Giovanna Errore 0 Comments

Giorgio Armani 

Si avvicinano le feste, e con loro cenoni, serate, aperitivi. Indispensabile avere la giusta borsa da sera da abbinare ai vostri look. Clutch e pochette, le borse mini-mini, luccicanti e stilose o spiritose e pop. 


"La pochette è un classico, la cui storia inizia nel 1800. Allora le tasche (in francese poches) non sono cucite sugli abiti. Le signore dell’epoca si portano dietro delle sacche di seta, chiamate “reticoli” con lo stretto necessario: una boccetta di profumo, ago e filo per rimediare eventuali danni sartoriali, un fazzoletto ricamato e gli immancabili sali, ché si sa, le signore perbene hanno lo svenimento facile. [...] La clutch nasce invece in tempi molto più recenti. Il termine deriva dall’inglese to clutch, cioè “afferrare”. E in effetti queste mini-borsette sono talmente piccole da stare in una mano, e di solito non hanno tracolle né manici, raramente una catenina. Sono costituite da materiali rigidi, tanto da sembrare delle scatole, dei piccoli scrigni che contengono i tesori di una donna: ci stanno dentro giusto il cellulare, le chiavi, il rossetto. Enzo Miccio e Carla Gozzi suggeriscono di uscire senza soldi perché la sera si trova sempre un uomo disposto ad offrirti un cocktail". 

Questo brano tratto dal mio Vogueabolario suggerisce le caratteristiche di queste borse donna: piccole e preziose. Perché allora non approfittare dei saldi di fine stagione per acquistare le clutch e pochette più belle? O magari potreste metterle nella letterina di Babbo Natale... ;) 



 
In alto, da sinistra: Victoria Beckham, Simonetta Ravizza, MCM 
Al centro: Fedorami, Marc by Marc Jacobs, Thomas Blakk
In basso: Giuseppe Zanotti, Salar Milano, Bottega Veneta




 
A sinistra dall'alto: Tom Ford, Edie Parker, Valentino
Al centro: Miu Miu, Corto Moltedo, Charlotte Olympia
A destra: Olympia Le-Tan, Anya Hindmarch

Elena Ghisellini

Joshua Fenu 
(Guarda la collezione autunno inverno 2016 di Joshua Fenu e Elena Ghisellini)

Mambrini
(Guarda la collezione autunno inverno 2016 di Mambrini)

Rubeus Milano
(Guarda la collezione autunno inverno 2016 di Rubeus Milano)




Tutto Saint Laurent





Tutto Micheal Kors


Tutto Salvatore Ferragamo

Tutto Dolce & Gabbana

Tutto Roberto Cavalli



Foto di sfilata e pochette in basso: Burberry Prorsum
Pochette in alto e al centro: Burberry 

Giorgio Armani  Si avvicinano le feste, e con loro cenoni, serate, aperitivi. Indispensabile a...

0 commenti:

"Il nuovo vocabolario della moda italiana" alla Triennale di Milano

19:27:00 Giovanna Errore 0 Comments


Ciao a tutti! Come state?
Chi mi segue sulla mia pagina facebook sa già che mi sono trasferita a Milano da una settimana, per svolgere uno stage in un importante ufficio stampa. Piano piano mi sto ambientando e sto scoprendo le meraviglie che questa città può offrire. Un esempio? Le mostre e gli eventi! Lunedì sono stata invitata alla conferenza stampa e all'anteprima della mostra Il nuovo vocabolario della moda italiana, curata da Paola Bertola e Vittorio Linfante alla Triennale di Milano
Sapete bene che amo esplorare la storia della moda e le parole che la caratterizzano (non a caso il mio libro si intitola Vogueabolario! XD) e così sono rimasta veramente affascinata da questa mostra. Il percorso nella storia e nelle innovazioni nel campo della moda italiana parte dal 1998. Una data precisa, che segna l'ascesa di internet nel lavoro e nel tempo libero ed esattamente 10 anni prima dall'inizio della crisi economica che ha colpito tutti i settori, compreso quello della moda. Chi era all'apice ha fatto i conti con una nuova realtà, ma chi aveva appena iniziato? La soluzione è stata quasi per tutti una riscoperta dell'artigianalità. 
Ma torniamo alle parole della moda. La mostra è suddivisa in sezioni, ognuna caratterizzata da una parola-chiave: materia, superficie, costruzione, archetipo, comunicazione, illustrazione e così via. Ogni sezione mostra abiti, accessori, dettagli, bozzetti di stilisti che negli ultimi 20 anni sono ascesi all'olimpo del fashion. Attenzione però a non chiamarli giovani o emergenti! Due termini banditi dal Nuovo vocabolario della moda italiana, perché rischiano di non significare nulla o di etichettare con superficialità. La gioia più grande per me è stata scovare pezzi e capi di designer che ho conosciuto e che apprezzo. Stella Jean (avete letto la sua biografia che ho curato per Vogue.it?), Martina Grasselli di Coliac, Niccolò Beretta di Giannico, Giuseppe di Morabito, Vincent Billeci, Marco de Vincenzo, Angelos Bratis, Benedetta Bruzzicheis. E poi ancora illustrazioni, riviste di nicchia, fashion film (la cui sezione è stata curata da Constanza Cavalli Etro). Insomma, il posto ideale per chi ama la moda e ne vuole conoscere ogni sfaccettatura. 
Vi chiedo scusa per la bassa qualità delle foto, ma vi lascio comunque qualche scatto giusto per farvi sentire l'atmosfera. Potete visitare la mostra alla Triennale di Milano fino al 6 marzo 2016 ;)

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Illustrazioni

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Fausto Puglisi

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Look 

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Look

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Marco De Vincenzo

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Look 

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Coliac

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Co.Te

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Giannico

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Stella Jean

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Giuseppe di Morabito

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Quattromani

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Giuseppe di Morabito

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Marcelo Burlon

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Giannico

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Vivetta

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Vincent Billeci

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Look

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Riviste

Il nuovo vocabolario della moda italiana - Fausto Puglisi



Ciao a tutti! Come state? Chi mi segue sulla mia pagina facebook sa già che mi sono trasferita...

0 commenti:

Borse donna - 25 handbag per l'inverno 2015

14:12:00 Giovanna Errore 0 Comments


Lo sapete: non posso parlare di moda inverno 2016 (né di qualunque altra cosa abbia a che fare con la moda) senza una carrellata di borse donna. Non so che farci, è più forte di me. Più ne compro, più ne comprerei (con buona pace del mio armadio che sta scoppiando!). Qual è la borsa dei vostri sogni? Quella indispensabile, che se per caso si dovesse perdere o rovinare andreste in analisi per il resto della vita? Mentre ci pensate, sfogliate le mie gallery di borse donna per l'inverno 2015-16.
Scommettiamo che inizierete a scrivere la letterina a Babbo Natale? ;)


Moda 2015: la borsa a mano

Da vera signora perbene. Classica a bauletto o squadrata e chic, in colori neutri da abbinare ovunque o nelle tonalità di stagione: non c'è inverno senza borsa a mano. Le più amate dalle fashion addicted? Le borse Gucci: hanno letteralmente conquistato tutte! Insieme alle borse Louis Vuitton, quest'anno squadrate in plexiglass e ipermoderne. Immancabili poi le Micheal Kors, semplici e adatte ad ogni occasione. Il desiderio proibito dell'anno però è la Prada Inside Bag. Una borsa dentro la borsa. Magia! 


Louis Vuitton

Giorgio Armani

Gucci

Magrì

Prada
Esprit

Braintropy

Miss Paloma

Barmat
Alexander Wang

Thakoon



Lo sapete: non posso parlare di moda inverno 2016 (né di qualunque altra cosa abbia a che fare ...

0 commenti:

Victoria's Secret show 2015

13:16:00 Giovanna Errore 0 Comments


Oggi non si parla d'altro: la sfilata Victoria's Secret 2015 si è svolta ieri sera (ma da noi era notte fonda) a New York. L'annuale show che coinvolge alcune tra le modelle più belle del momento ha catalizzato l'attenzione di tutti. Perché le ragazze sono bellissime, la lingerie da sogno e lo spettacolo (che dura ben 40 minuti, più del quadruplo di una normale sfilata) è un evento anche grazie agli ospiti musicali. Quest'anno sono stati Ellie Goulding, Selena Gomez e The Weekend a far ballare ospiti e modelle. E poi le ali? Gli angeli di Victoria's Secret indossano vere e proprie opere d'arte, bellissime e finemente decorate da cristalli, stelle, farfalle.
Il Victoria Secret show 2015 è stato particolarmente sentito perché ha segnato un importante anniversario: i primi 20 anni del marchio di lingerie più desiderato al mondo! Tra gli angeli di quest'anno, veterane e new entry: Behati Prinsloo, Sara Sampaio, Stella Maxwell, Candice Swanepoel, Lily Aldridge (che ha indossato il favoloso fantasy bra, il reggiseno da 2 milioni di dollari con 6500 tra gemme e diamanti!). I riflettori però erano puntati su due reginette delle passerelle. Kendall Jenner, il gioiellino della famiglia Kardashan, e Gigi Hadid, tanto criticata quanto amata. Ma davvero c'è qualcuno che la ritiene grassa? Assurdo!
Tra farfalle e cowgirl, fiori e piume, anche la polemica ha fatto capolino nello show. Solo poche settimane fa, infatti, sono stati rivelati la dieta e gli allenamenti a cui si sottopongono gli angeli di Victoria's Secret
"Alleno le modelle come se, anziché in passerella, dovessero salire su un ring."
ha dichiarato il personal trainer Micheal Olajide. Piegamenti, addominali ed esercizi cardio sono stati seguiti da tutto il mondo su instagram, dove le ragazze hanno documentato gli allenamenti con l'hashtag #trainlikeangel. Ma anche l'alimentazione è a dir poco severa: le modelle si nutrono solo di frullati di proteine per i 10 giorni che precedono la sfilata Victoria's Secret. Poi passano a solo acqua nelle 48 ore prima dello show, e completamente nulla di liquido (né di solido ovviamente) nelle ultime 12 ore. 
Insomma, sembra che l'obiettivo sia trasformarle davvero in angeli senza corpo! Che ne pensate?

P.s. Dove vedere la sfilata di Victoria Secret? Sarà in onda sul canale CBS l'8 dicembre!

Foto della sfilata da Vogue.it 
Foto del backstage da Elle.it














Oggi non si parla d'altro: la sfilata Victoria's Secret 2015 si è svolta ieri sera (ma ...

0 commenti: