Vacanze 2015 - Crociera da sogno, negli Emirati Arabi con MSC

18:11:00 Giovanna Errore 0 Comments

Vacanze 2015: dove andrete a godervi un sano e meritato relax? Alzi la mano chi, come me, quest'estate ha dovuto rinunciare alle vacanze. Tra il master a Roma, il lavoro del mio fidanzato e vari impegni, non siamo riusciti ad organizzare nulla. E allora perché non cominciare a fantasticare sulle vacanze invernali? Sognare non costa nulla!
Un posto dove adorerei andare sono gli Emirati Arabi. Avete presente? Distese di sabbia, il sole che scalda la pelle e una deliziosa atmosfera esotica, mentre amici e parenti soffrono il freddo in Italia! 
Ho cercato un po' sul web (stavolta senza stress!) e ho trovato la crociera che fa per me: MSC Emirati
Un itinerario affascinante tra Dubai, Abu Dhabi e Oman. A scoprire le spezie e i colori, i sapori e i profumi di Paesi lontani. Tra l'altro, guarda un po', le nuove offerte invernali prevedono anche il volo da e per Venezia, la città dove vive il mio ragazzo. Sarà un segno del destino? Io e Carlo andremo presto a Expo Milano, lì tramite gli occhiali avvolgenti Oculus VR e la tecnologia Odorama, MSC permette di immergersi virtualmente nelle atmosfere degli Emirati. 
Per ora lo porto a vivere l'esperienza virtuale, ma con la speranza di trasformarla in reale! Fate il tifo per me ;)





Indosserei un bikini, un caftano o un maxi dress, un sandalo gioiello e un paio di occhiali da diva e mi lascerei cullare dalle onde. E credo che la crociera sarebbe la vacanza invernale perfetta per me. Negli ultimi 2 anni ho passato un sacco di tempo a prenotare voli, cercare offerte, impazzire per far coincidere tutti gli impegni di studio, di lavoro, di famiglia... Vuoi mettere dedicarsi al completo relax mentre altri organizzano pranzi, cene, divertimento ed escursioni al posto mio? *.* 


Caftano Chloé


Maxidress Elie Saab

Copricostume Emilio Pucci

Caftano Krizia su Vogue Italia, novembre 1965


Intanto, se volete dare uno sguardo, esplorate il sito ufficiale MSC Crociere ... Magari ci vediamo a Dubai! 


Buzzoole buzzoole code

Vacanze 2015 : dove andrete a godervi un sano e meritato relax? Alzi la mano chi, come me, quest'...

0 commenti:

Arte in cucina: le ricette di Monet e di Picasso

11:39:00 Giovanna Errore 0 Comments


Dimenticate i libri di ricette di chef stellati e presentatori tv. Qui la cucina diventa arte, e l'arte si esprime in cucina. 
Sabato pomeriggio sono stata alla presentazione di un libro, Let's bake art - A tavola con i grandi artisti, di una mia giovane concittadina. 
Mariapia Bruno, giornalista, autrice di documentari sulla storia dell'arte e youtuber, ha indagato l'affascinante legame tra cibo e arte. L'idea è partita dalla lettura del Ricettario di Famiglia di Monet, e dalla visione del film Julie e Julia. E da lì è partita una ricerca complessa su come i grandi pittori hanno interpretato il cibo, in cucina e sulla tela. 


In copertina La Lattaia di Vermeer, all'interno 79 ricette abbinate a 45 opere d'arte. C'è la charlotte al cioccolato di Picasso (protagonista di una sua famosa natura morta), la padellata di cipolle di Van Gogh, la cucina di Frida Kahlo appassionata e focosa come i suoi quadri, i peperoni ripieni di Guttuso e i cornetti che Roy Liechtenstein sfornava insieme al figlio. E poi gli artisti contemporanei, con le loro ricette bio e il riciclo degli avanzi, fino ai piatti realizzati con i prodotti di Libera Terra contro la mafia
Mariapia ha presentato il libro all'Hotel Dioscuri Bay Palace nella mia Agrigento, accompagnata dallo storico dell'arte Mirko Baldassarre e dal pittore Andrea Carisi. Tra video ricette e quadri d'autore, racconti di vita personale e aneddoti su Luchino Visconti, il pomeriggio è stato piacevole e interessante. 
Se il mio racconto vi ha incuriosito, vi lascio alcuni link per seguire Mariapia e acquistare il suo libro:
Libro Let's bake ART - A tavola con i grandi artisti
Let's bake ART - il blog dal quale è nato il libro
ARTenzione! - il canale youtube in cui Mariapia parla di arte

Foto di Carlo Pantaleo 










Il Ministro degli Interni Angelino Alfano alla presentazione del libro 


Dimenticate i libri di ricette di chef stellati e presentatori tv. Qui la cucina diventa arte, e ...

0 commenti:

Bikini 2015 - storia e suggerimenti!

19:01:00 Giovanna Errore 0 Comments

Bikini: che estate sarebbe senza? La moda estiva ruota tutta intorno a questo capo, ridottissimo o in versione retrò come i trend 2015 ci suggeriscono. Ma voi sapete come è nato il moderno bikini?
Siamo nel 1946 e le donne hanno fatto tantissima fatica per far accettare alla società l’utilizzo del costume intero. Ma il signor Louis Réard pensa che la pelle in mostra non sia abbastanza, così il 5 luglio lancia una collezione di costumi da bagno che completa il lavoro di Jaques Heim. Lo stilista aveva presentato da poco l’Atome, considerato il costume da bagno più piccolo del mondo e che aveva creato scandalo. Réard lo rimpicciolisce ulteriormente,e  stupisce tutti chiamandolo Bikini: il nome deriva da un atollo del isole Marshall, in cui recentemente gli Stati Uniti avevano effettuato degli esperimenti nucleari. L’effetto del bikini, proprio come aveva previsto il suo creatore, è esplosivo!
Il brano è tratto dalla voce Bikini del mio libro Vogueabolario - Le Parole della Moda, in cui trovate tante altre notizie e curiosità su capi d'abbigliamento e accessori. 
Ma oggi come lo indossiamo? Il modello a triangolini è sempre sulla cresta dell'onda, quello a fascia permette un'abbronzatura più omogenea. Righe, zig zag e pois hanno un gusto vintage mentre le classiche stampe di fiori e frutta vi renderanno freschissime e golose! 
Ecco le mie scelte di bikini e accessori must have per l'estate 2015! :) 


M Missoni 

BonBon su Luisaviaroma

Dolce e Gabbana

Emilio Pucci

Etro su Luisaviaroma

Havaianas

Roberto Cavalli su Luisaviaroma

Articoli correlati:
Vogueabolario - Le Parole della Moda
Moda estate 2015: cosa vedremo sulle nostre spiagge (su Comunic@lo)





Bikini: che estate sarebbe senza? La moda estiva ruota tutta intorno a questo capo, ridottissimo o ...

0 commenti:

Elio Fiorucci è morto. Ma la sua Love Therapy no!

17:10:00 Giovanna Errore 0 Comments


Elio Fiorucci sì è spento oggi. È stato trovato morto nel suo appartamento di Milano, probabilmente stroncato da un malore. Aveva 80 anni lo stilista paladino della moda etica.
Ma in questi casi l'età non conta, perché quando un uomo che ha dato tanto alla moda e al costume se ne va è sempre una grande perdita. Ho voluto scrivere qualche riga perché ho avuto modo di apprezzare Elio Fiorucci negli ultimi tempi, lavorando al mio libro Vogueabolario - Le Parole della Moda. Ha iniziato la sua carriera negli anni '60, ed è stato il primo a parlare di Street style. Seguendo i giovani americani nei mercatini dell'usato, ne ha colto il desiderio di riutilizzare le divise dei soldati in Vietnam, riempiendole di spille e brillantini per sottolineare il dissenso verso quella guerra in cui i giovani non si riconoscevano. È nato così l'uso modaiolo della stampa camouflage. E poi come dimenticare i suoi concept store, in cui riuniva stilisti emergenti e di nicchia affidandosi solo al suo istinto e alla moda che veniva dal basso? E gli shorts di jeans sfilacciati, con quelle campagna pubblicitarie di Oliviero Toscani che tanto hanno scandalizzato e affascinato?
Proprio in questi giorni in cui Franca Sozzani ha aperto un dibattito su cosa è lo Street style e che ruolo ha nell'influenzare la moda, colui che lo ha scoperto per primo ci ha lasciati.
Elio Fiorucci è morto. Ma il suo spirito libero, amante della natura, degli animali e dedito a quella love therapy così pop e scanzonata, rimarrà con noi.






Elio Fiorucci sì è spento oggi. È stato trovato morto nel suo appartamento di Milano, probabilme...

0 commenti:

Altaroma: le 5 collezioni più interessanti

20:58:00 Giovanna Errore 0 Comments

La scorsa settimana, lo saprete tutti, si è svolta la manifestazione romana dedicata alla moda: Altaroma, la fashion week capitolina che ha presentato le collezioni autunno/inverno del prossimo anno. Io purtroppo non ho potuto partecipare (la mia migliore amica si sposa oggi, non potevo allontanarmi da qui!) però sono riuscita a seguire le sfilate tramite internet, social network e blog. 
Ci tenevo quindi a raccontarvi alcuni di quelli che, dal mio punto di vista esterno, sono stati gli eventi e le collezioni più affascinanti. 
Pronti? Via!!!

L'amore non guarda con gli occhi di Chiaradè
Il designer Pasquale Pironti per Chiaradè si ispira alla frase di Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare. Frase che a sua volta ha ispirato la fotografa Anne Deniau nel raccogliere gli scatti di backstage di Alexander McQueen in un libro dallo stesso titolo. E dall'ispirazione romantica nascono abiti unici, realizzati a mano, leggerissime nuvole. Colore dominante, ovviamente, il rosso passione. 





Egitto d'Inverno di Vittorio Camaiani
Un Paese affascinante e ricco di storia ispira Vittorio Camaiani, che interpreta il prossimo inverno con forme piramidali e gioielli a tema come l'occhio di Horus e collari di plexiglass. Grande focus sui capispalla, giacche e cappotti in lana. Anche se era considerata dagli egiziani un tessuto impuro. 


Tutte le sfumature del grigio by Renato Balestra
Dal perla all'antracite. Tutte le sfumature del grigio (no, non userò il titolo di quel libro, mi rifiuto!) trasformate in meraviglie d'alta moda da Renato Balestra. Uno stilista elegante e raffinato, forse sottovalutato. Tessuti lucidi e opachi per deliziosi abiti da cocktail e lunghi abiti da sera, fino alla leggera nuvola platino dell'abito da sposa. 






Muqarnas di Sabrina Persechino
Amante del connubio tra moda e architettura, Sabrina Persechino si ispira stavolta alla Cappella Palatina di Palermo, realizzata da Ruggero II con echi delle culture europea, bizantina e araba. Le cupole e le arcate ogivali diventano elementi decorativi, intessuti con fili dorati su rosso cardinale, blu zaffiro e bianco opalescente. Architettura araba e mosaici bizantini: e la Sicilia arriva a Roma. 
(Potete leggere una mia recensione sulla collezione Persechino sul portale web Comunic@lo)




Couture/Sculpture di Azzedine Alaia
Qui non parliamo di una collezione, ma di una mostra che potrete visitare alla Galleria Borghese, dall'11 luglio al 25 ottobre 2015. Siamo abituati a vedere in Galleria sculture e opere d'arte, stavolta lo stilista ci propone una forma di "scultura soffice" come lui ama chiamarla. Forme e volumi dei suoi abiti si adattano all'ambiente esaltandone gli spazi, e lo trasformano in un continuo divenire. Io credo proprio che in uno dei miei weekend romani andrò a visitarla! 




Per le foto si ringrazia l'ufficio stampa Altaroma

La scorsa settimana, lo saprete tutti, si è svolta la manifestazione romana dedicata alla moda: Alta...

0 commenti: