Lady Gaga's wedding dress

11:17:00 Giovanna Errore 0 Comments

Buongiorno!!!
Come state? Come forse avete letto sulla mia pagina facebook è iniziata la mia grande avventura romana: 2 weekend al mese andrò a Roma per frequentare il Master in Comunicazione e Giornalismo di Moda di Eidos Communication! Il primo weekend è appena trascorso ed è stato meraviglioso, magari più in là vi racconterò e se avete domande non esitate a chiedere :) Inoltre ho anche intensificato le mie collaborazioni con riviste locali e nazionali, per cui ammetto che sarò un po' assente sul blog. Ma continuate a seguirmi, vi segnalerò sempre notizie interessanti e curiosità sul mondo della moda!
Insomma, veniamo a noi: oggi vi farò sognare *.* Come sapete, l'eccentrica Lady Gaga si è fidanzata ufficialmente con Taylor Kinney lo scorso San Valentino e da allora la domanda ricorrente è "Cosa indosserà sull'altare?". Da lei ci si può aspettare di tutto, ma nel grande giorno confermerà il suo stile anticonvenzionale o si concentrerà su una cerimonia elegante e sobria?
Il giornale americano WWD, vera bibbia della moda, ha chiesto a tantissimi designer di immaginare il loro Gaga Wedding Dress, e il risultato è impressionante! Qui vi mostro solo alcuni dei bozzetti, quale preferite? Si va dalla nuvola di tulle rosa di Monique Luhillier al taglio grafico di MSGM, dal lusso di Chanel alla versione lowcost di H&M. Alber Elbaz la immagina romantica e fanciullesca in Lanvin mentre Alberta Ferretti la fascia in una silhouette a sirena tutta pizzi e trasparenze. 
Di sicuro, l'abito delle nozze sarà ancora argomento di discussioni, e a noi piace discutere di abiti da sogno, vero? 

Ph. WWD
Chanel by Karl Lagerfeld

MSGM by Massimo Giorgetti

Donna Karan Atelier

Monique Luhillier

Diane Von Fustenberg

Calvin Klein Collection

Balenciaga by Alexander Wang


Antonio Marras

Sonia Rykiel

H&M

Lanvin by Alber Elbaz

Dennis Basso

Reem Acra

Alberta Ferretti

Buongiorno!!! Come state? Come forse avete letto  sulla mia pagina facebook  è iniziata la mia grande avventura romana: 2 weekend al mese a...

0 commenti:

L'ignoranza del maschio - Q&A

11:18:00 Giovanna Errore 0 Comments

A cura di Carlo Pantaleo.

Eccoci tornati ragazzi e ragazze (soprattutto ragazze), come saprete Giovanna un paio di settimane fa vi ha chiesto di bombardarmi di domande riguardanti tutti quegli argomenti riguardanti più che altro il mondo degli uomini, domande specifiche su tecnologia, motori, fotografia e quant’altro. Io direi di cominciare con le risposte ;)

Paula scrive: Anche io amo la fotografia, allora Carlo, hai mai fatto un corso? Cosa consigli per un iniziante?
Ciao Paula grazie per la domanda. Sì, anche io ho frequentato un corso di fotografia, presso uno studio privato in provincia di Treviso, dove ho conosciuto dei professori fantastici e super professionali e ti garantisco che mi è stato indispensabile! Inoltre ho sostenuto un esame di fotografia anche quando ho frequentato l’Accademia di Belle Arti a Napoli e li ho letto vari libri molto interessanti. Il più comune che ti consiglio vivamente di leggere è L'Errore Fotografico di Clément Chéroux che mi ha dato una bella infarinatura di storia della fotografia.



Cristina scrive: Ho una Olympus 14mpx ma spesso le foto vengono sfocate nonostante non cambio mai impostazioni
Cara Cristina, il motivo per cui le tue foto vengono sfocate può essere dovuto a tantissime cose, tipo una messa a fuoco errata, dello sporco sulla lente oppure un guasto all'apparecchio. Inoltre fai molta attenzione a distinguere un'immagine sfocata da un'immagine mossa. E' molto semplice: l’immagine sfocata ha sempre una porzione nitida perché uno dei piani sarà comunque messo a fuoco; mentre un immagine mossa si distingue perché l’immagine è completamente distorta. In più c’è da capire se la tua macchina è reflex oppure una compatta e se è impostabile su uso manuale. Scrivimi ancora definendo per bene il modello e ti potrò aiutare  ;)



Anna scrive: Ho una nikon 5200D e vorrei poterla utilizzare al meglio in modalità manuale, consigli in merito?
Ciao Anna, intanto complimenti per la scelta del tuo apparecchio, le Nikon sono ottime.
Utilizzare una reflex in modo efficiente, rapido e semplice è possibile, è una domanda che si fanno in molti … il consiglio che vi do io è quello di utilizzare la modalità “priorità diaframma” (sulla mia Canon è la modalità AV, mentre sulla Nikon dovrebbe essere A). Escludendo la selezione del tempo di scatto ci siamo leggermente semplificati la vita, attraverso il tempo noi possiamo stabilire se un immagine deve venire più chiara o più scura, ma questo noi possiamo comunque stabilirlo attraverso l’esposimetro che è molto più intuitivo e semplice da utilizzare, mentre all’apertura del diaframma dobbiamo sempre dare un occhio di riguardo perché attraverso di lui stabiliamo quanta profondità di campo abbiamo e questo è importantissimo.


Roberta scrive: Cosa è meglio Ios o Android?
Cara Roberta, questa è una domanda da un milione di dollari, posso risponderti in un solo modo per evitare di essere querelato xD: la scelta del sistema operativo del vostro device dipende solo ed esclusivamente dal vostro gusto, ormai tutti i sistemi operativi hanno le stesse funzioni, la differenza la fanno i costruttori con i loro prodotti. Preferisci i Samsung ai Nokia? Preferisci un iPhone a un LG?  Calcola quanto sei disposta a spendere, acquista quello con la cover intercambiabile più carina e divertiti per circa un anno e mezzo quando si attiverà il meccanismo di autodistruzione interno dell’apparecchio e sarai costretta a tornare in negozio e acquistarne un altro ritornando al punto di partenza XD 
Cosa preferisco io? Vorrei tanto il mio vecchio Nokia 6630!




Bene, per oggi è tutto bimbi miei, se vi sono stato utile fatemelo sapere e se avete domande da farmi non esitate. 
Mi sono divertito parecchio a rispondervi :D A presto!!!!!!!!

A cura di Carlo Pantaleo. Eccoci tornati ragazzi e ragazze (soprattutto ragazze), come saprete Giovanna un paio di settimane fa vi ha c...

0 commenti:

Cannes e Life Ball 2015

12:11:00 Giovanna Errore 0 Comments

Amici rieccomi! Dopo una settimana frenetica torno a scrivere qui su Sbirilla!
E vi racconto con gioia due bellissimi eventi (e gli outfit che li hanno caratterizzati): il Festival Di Cannes e il Life Ball. Ma andiamo con ordine, partendo dal festival della Croisette che come sempre si è trasformato in un'occasione per sfoggiare abiti meravigliosi di grandi stilisti. Ecco i miei preferiti!



Diane Kruger, Lea Seidoux e Naomi Watts hanno scelto di brillare in sfumature argentee e lustrini, affidandosi rispettivamente a Prada, Miu Miu ed Elie Saab


Emma Stone e Sophie Marceau sono andate sul sicuro in nero: la prima con un corto e movimentato Oscar De La Renta (bellissimo) e la seconda in un lungo see-through luccicante di Chanel


La mia preferita in assoluto? Fan Bing Bing! L'attrice cinese di una bellezza mozzafiato ha scelto un abito Marchesa delicatissimo e ricco di applicazioni. Ancora più affascinante ed eterea, impossibile non notarla!

Anche Lupita Nyong'O non ne sbaglia una: si è presentata con un meraviglioso Gucci con plisseé e profonda scollatura verde smeraldo, un colore che le sta divinamente!

L'altro evento che ha catalizzato l'attenzione mediatica è stato il Life Ball, l'evento benefico più importante d'Europa. Si è svolto ieri sera a Vienna e anche stavolta al centro dell'attenzione c'erano la prevenzione e la cura dell'AIDS. Filo conduttore dell'evento è stata la celebrazione della primavera sacra, festa romana celebrata da Stravinsky nelle sue composizioni e da Klimt nei quadri del periodo d'oro. E sul tappeto magenta della manifestazione c'era oro ovunque: sui costumi dei ballerini, sugli abiti delle star invitate, sulla sfilata-evento di Jean Paul Gaultier si è posata una luccicante pioggia dorata. 
Vi lascio alcune foto, e attendo le vostre opinioni. Baci :*












Foto tratte da Marie Claire Italia e Vogue Italia. 




Amici rieccomi! Dopo una settimana frenetica torno a scrivere qui su Sbirilla! E vi racconto con gioia due bellissimi eventi (e gli outfit ...

0 commenti:

Vogueabolario - presentazione online

12:24:00 Giovanna Errore 0 Comments

Buongiorno amici, e buon inizio di questo fine settimana primaverile! Che progetti avete?
Sapete che ieri c'è stata la mia prima presentazione online di Vogueabolario? Si è tenuta all'interno del gruppo facebook I nostri ebook - Parliamone, che organizza sempre iniziative carine per autori e lettori! Per chi si è perso l'evento ma è comunque curioso di sapere qualcosa in più sul libro, ho pensato di mostrarvi le domande (e risposte) più interessanti :)

Quando hai iniziato a fare sul serio con la pubblicazione?
Beh io ci pensavo fin da piccolina, facevo "esperimenti" scrivendo, disegnando e colorando i miei piccoli libriccini che in effetti avevano poco senso... poi a darmi la spinta finale sono intervenuti il mio fidanzato e un mio prof dell'Università.

Che cosa ti ha spinto a scrivere questo libro sulla moda, passione e voglia di scriverci qualcosa? è alquanto strano, ma anche curioso!
Sicuramente è nata prima la passione per la scrittura, e molto dopo quella per la moda. Volevo documentarmi sulla sua storia, e appunto non trovando un manuale di facile consultazione (sono tutti molto costosi, molto tecnici e anche difficili da reperire), ho fatto mille ricerche su internet, su vari libri e le innumerevoli riviste che compro... e ho deciso di condividere queste ricerche con chi ha la mia stessa passione.

Nella stesura di un testo a quale parte destini più spazio?
Io scrivo molto di getto, non solo il libro ma anche gli articoli, i post sul mio blog, qualche racconto e poesia... quindi la cosa più importante quando scrivo è "la pancia"! Mi tuffo all'interno dell'argomento e dei dettagli che più mi incuriosiscono, e butto giù tutto, poi faccio un lavoro di correzione ma i contenuti non li cambio mai!

Giovanna, da dove nasce questa passione per la moda?
Dalle mille riviste che ho sempre letto, fin da piccolina le divoravo! E lì l'argomento principe è la moda, quindi è stato inevitabile appassionarmi! Però ecco mi interessano più i significati impliciti di un abito che la sua bellezza esteriore...

Che intendi per significati impliciti?
Intendo dire che ogni modello, ogni accessorio ecc racconta la propria storia! Il periodo ed il luogo in cui è stato "inventato", l'estro di chi lo ha creato, i cambiamenti sociali ed estetici che lo hanno modificato nel tempo. Un trench, per esempio, non è solo un oggetto per coprirsi, ma racconta dei diversi inventori che si sono contesi il brevetto, i militari che lo hanno indossato in guerra, gli attori che lo hanno reso simbolo di alcune pellicole cult, e così via...

Come hai condotto le tue ricerche? E come hai tradotto il tutto per renderlo accessibile al pubblico? 
Non è stato facile in effetti! Soprattutto è stato difficile distinguere le fonti attendibili perché, sai, su internet trovi di tutto! Ho preso una settantina di argomenti e, incrociando le fonti, ho cercato di raccontarne l'evoluzione in ordine cronologico, come fosse un racconto. Spero di esserci riuscita!

Preferisci la narrazione in prima o in terza persona?
Beh in questo caso la terza persona era d'obbligo, ma altre volte scrivo in prima!

Quanto tempo hai impiegato per la stesura e quanto ancora per arrivare alla pubblicazione?
Le ricerche sono durate abbastanza, direi 6 mesi, ma erano molto discontinue perché contemporaneamente preparavo gli ultimi esami, la tesi, e affrontavo vari problemi di salute. La stesura 3 mesi e mezzo, e dopo un altro mese e mezzo è stato pubblicato. 

Hai altri generi in testa o rimarrai su questo?
Ho scritto qualche poesiola, e ogni tanto vengono pubblicate sul blog Cultura al Femminile, e alcuni racconti che sono in visione per dei concorsi su Vogue. E nel futuro, chissà...

Qual è la tua più grande paura in campo letterario?
Quella di non essere abbastanza brava! Lo so, sembra scontato e sa di falsa modestia ma è così!

Come ti approcci alle recensioni negative?
Non ne ho ancora ricevute sai? Ma me le aspetto da un momento all'altro, non si può piacere a tutti! Mi ferisce tantissimo l'indifferenza di alcuni amici e conoscenti, invece...

Qual è il capo che ti ha affascinata di più? La giacca Chanel?
Il mio argomento preferito è stato il pizzo, così misterioso, seducente, romantico, mille cose insieme! Anche la giacca Chanel in effetti ha una storia curiosa, che tra l'altro è stata rivelata in un video dalla stessa maison qualche mese fa. 

La cover te l'ha fatta qualcuno o viene dal tuo gusto personale?
L'ha fatta il mio fidanzato, ma io ero lì accanto che dettavo ordini quindi rispecchia perfettamente il mio gusto personale!

C'è una parte della giornata che preferisci per dedicarti alla scrittura?
Preferisco scrivere di mattina da sempre! Infatti i miei diari di scuola sono pieni zeppi di pensieri, frasi, poesie!

Come ti definiresti come autrice? Tre aggettivi per te e tre per la tua opera!
Che bella domanda! Allora, io sono: istintiva, appassionata, confusa. Vogueabolario è: curioso, interessante, leggero.

Il titolo come lo hai trovato e perché?
Il titolo è arrivato subito, in contemporanea con l'idea! Mi è sembrato un gioco di parole così carino e immediato... infatti ho passato settimane a fare ricerche, perché mi sembrava impossibile che non lo avesse ancora usato nessuno, e invece è proprio così.

La scrittura è il tuo lavoro primario o una passione a cui ti dedichi nel tempo libero?
In questo momento è la mia occupazione primaria. Dopo la laurea ho trascorso 10 mesi di "pausa" in cui praticamente ho solo scritto: il libro, i post sul mio blog, gli articoli per varie riviste, racconti e poesie per concorsi. 

Finora il libro ti ha regalato i risultati che immaginavi? Di più o di meno?
In effetti non mi aspettavo nulla, è successo tutto di corsa! Sulle vendite non ho dati immediati perché mi arrivano i report a distanza di due mesi, però Vogueabolario è stato primo in classifica per la categoria Moda su Amazon, quindi sono soddisfatta!

Hai mai fatto una presentazione dal vivo del tuo libro?
Purtroppo no finora, per tutta una serie di motivi, ma spero di organizzarne presto una!

Qual è il tuo più grande sogno come scrittrice?
Il mio sogno è diventare giornalista, e adesso mi sto impegnando al 100% per diventarlo. Come scrittrice, spero semplicemente di coinvolgere, arrivare al cuore di chi legge, anche se fosse una sola persona sarebbe già un bel traguardo!


Spero che vi abbia fatto piacere conoscere meglio me e il mio libro, se la presentazione vi ha incuriositi ecco qua i link dei principali store in cui acquistarlo:
Youcanprint (ebook)
Youcanprint (cartaceo)
Amazon Kindle (ebook)

Kobo Books (ebook)
Google Play (ebook)
Mondadori (cartaceo)
Feltrinelli (cartaceo)

Invece a questo link trovate recensioni, presentazioni ed interviste in merito :)





Buongiorno amici, e buon inizio di questo fine settimana primaverile! Che progetti avete? Sapete che ieri c'è stata la mia prima presen...

0 commenti:

Melecreo: accessori personalizzati di Stefania Mele

11:00:00 Giovanna Errore 0 Comments

Buongiorno a tutti!
Com'è andato questo weekend di festa? Vi siete goduti il sole, il mare, l'aria aperta? :)
Qui si torna a parlare di moda, di accessori e di talento, e lo facciamo con Stefania Mele e le sue creazioni!
Stefania è laureata in lettere, ha fatto la ballerina, ha lavorato nel settore assicurativo, e adesso fa la wedding planner. Un'anima poliedrica quindi, che non ha mai perso occasione per dimostrare le sue capacità e la sua creatività. Innamorata di lustrini e accessori appariscenti, retaggio del suo passato sul palco, si diletta a realizzare creazioni personalizzate per clienti allegre e modaiole: borsette e collane in primis. E lo fa utilizzando materiali di scarto, tappetini da bagno, tovagliette all'americana, pavimenti in pvc, bottiglie di plastica. Lavora i materiali con il calore e li trasforma con amore. 
La sua più grande vittoria? La soddisfazione e la gioia delle clienti quando vedono le sue meraviglie realizzate appositamente per loro, pronte da indossare. Tutti pezzi unici, ovviamente!
Vi piacciono? Fatemi sapere che ne pensate eh? :) 
Ecco i suoi contatti:
Pagina Facebook
Sito Web











Buongiorno a tutti! Com'è andato questo weekend di festa? Vi siete goduti il sole, il mare, l'aria aperta? :) Qui si torna a parla...

0 commenti: