Milano Moda Uomo - Genderless trend

25 giugno 2015

"Quel" periodo dell'anno è arrivato. Due volte all'anno, a gennaio e a giugno, sfilano sulle passerelle di Londra, Milano, Parigi e New York le collezioni maschili. E per me è un dramma, perché da un lato vorrei seguirle. Voglio fare la giornalista, voglio occuparmi di moda e so che devo conoscere tutto di questo mondo. Dall'altro, non riesco a concentrarmi sulle collezioni uomo perché le trovo quasi sempre ridicole e impossibili da portare. Davvero, giuro, non voglio offendere nessuno. Forse sono all'antica. 
Quest'anno, il dramma nel dramma: il trend genderless. Che vuol dire? è la negazione delle differenze di genere, una moda che si ispira a dibattiti ben più seri ed importanti per la società odierna. Ognuno (in una civiltà libera e democratica) è libero di essere, sentirsi, mostrarsi e vestirsi come preferisce. Ma pensare che siamo tutti diversi non ci porterà a pensare di essere tutti uguali? Le differenze tra uomo e donna (fisiche, mentali, emotive) che secoli e secoli di storia ci hanno inculcato, sono tutte menzogne? Siamo tutti uguali o tutti diversi? E queste differenze non vanno valorizzate come una ricchezza? L'argomento è controverso e i designer lo interpretano, ognuno con la propria sensibilità. Facendo sfilare uomini e donne talmente simili (per l'abbigliamento ma anche per il fisico longilineo) da confondersi. 
Io credo che delle differenze di fondo ci siano, e che vadano ben oltre le preferenze sessuali o l'abbigliamento, e che l'omogeneità tra i sessi e tra gli individui non possa che appiattire le singole personalità. Voi cosa ne pensate?
Vi lascio qualche foto dalle sfilate di Milano Moda Uomo, tratte da Vogue.it 

Dolce e Gabbana (a questo link un mio approfondimento sulla collezione)

Dsquared2

Emporio Armani

Etro

Gucci

Marni

Missoni

Moncler Gamme Bleu

Moschino

MSGM

Andrea Pompilio

Prada

Stella Jean

La mia gallery su Instagram