Chiara Ferragni: top & flop

13:41:00 Giovanna Errore 0 Comments

Ciao mie belle fanciulle!
Oggi vi voglio parlare di Chiara Ferragni, successi e insuccessi dell'insalata bionda nostrana. Sapete benissimo che Chiara è una delle blogger italiane più famose e desiderate, contesa dai più importanti brand di lusso, ma qualche scivolone nella sua carriera l'ha avuto (a mio modesto parere). Vediamo un po'!
TOP: il suo blog. Chiaramente The blonde salad è il suo più grande successo! Il numero delle sue visualizzazioni supera di gran lunga qualunque altra blogger italiana, ed è uno dei più seguiti al mondo. Con la sua determinazione ha importato in Italia il fenomeno del fashion blogging quando ancora erano in pochissimi a conoscerlo, e soprattutto ha trasformato la sua passione in un lavoro moooolto remunerativo. Brava Chiara!
FLOP: Chiara Ferragni shoes. Mmm non mi piacciono molto. Mmm non mi piacciono per niente. Non fraintendetemi, l'idea delle slipers glitterate e ammiccanti è carina, e qualche modello interessante c'è, ma in molti sostengono che siano copiati da designer ben più influenti e famosi come Yves Saint Laurent o Casadei. Non sarebbe neanche una cosa così terribile, se pensate a quante imitazioni passano dalle passerelle agli scaffali dei brand lowcost. Ma il problema è che non sono assolutamente lowcost, anzi costano quanto gli originali!
TOP: il suo manager/ex fidanzato. Sto parlando del giovane (e fighissimo) imprenditore Riccardo Pozzoli, suo fidanzato storico e co-fondatore di The blonde salad. Si dice che sia stata la sua intelligenza e il suo spirito imprenditoriale a trasformare il blog in un successo mondiale. Si dice anche che sia assurdo vederli lavorare ancora insieme dopo la rottura e il fidanzamento di Chiara con Andrew Arthur. Ma io penso che la vita privata di ognuno di noi sia molto difficile da comprendere, e poi ci vuole molta intelligenza e maturità per mantenere unito un team dopo i dissapori. Quindi...bravi ragazzi!
FLOP: Caia Jewels. Forse l'unica cosa che mi piace del suo marchio di gioielli è il nome, che viene dal suo soprannome da bambina proprio come Sbirilla. Per il resto, mi spiace per Chiara ma trovo i bangle con la bocca semiaperta e gli anelli pieni di parolacce parecchio volgari e per nulla in linea con il suo stile. Bocciati!
TOP: le sue collaborazioni. Chiara ha lavorato con stilisti e designer potenti e lussuosi, quelli dei quali io guardo con venerazione le vetrine a non oso entrare nei negozi. Da Tiffany ad Alexander McQueen, da Dior ad Alberta Ferretti. E ha creato anche delle capsule collection interessanti, prime fra tutte quelle per Superga e Steve Madden. Questo perché è una perfetta modella e un'ottima web influencer, ma decisamente NON una designer.
FLOP: la campagna Redken. Redken, salone di bellezza per capelli da poco sbarcato in Italia, ha scelto Chiara come fashion ambassador nel 2013 e l'ha riconfermata quest'anno. Da qualche settimana ha lanciato la campagna pubblicitaria "Vorrei i capelli come Chiara Ferragni!" che è stata un flop. Sul web e sui social network piovono le critiche, la bionda chioma viene definita brutta e unta. Non sono d'accordo, onestamente trovo i capelli di Chiara molto più luminosi e visibilmente più sani da quando è sotto l'ala protettrice di Redken. Almeno, così sembra in foto.
TOP: la sua famiglia. Ovviamente la mia opinione si basa sempre su ciò che vedo sui social network, ma la famiglia di Chiara sembra molto unita, una famiglia di donne creative e forti. Ho avuto modo di interagire su Instagram con la mamma Marina di Guardo, scrittrice e travel blogger, e con la sorella minore Valentina Ferragni, studentessa che ha già realizzato qualche lavoretto nel campo della moda, e sono state entrambe molto carine e gentili.
FLOP: la campagna YSL. Un altro flop pubblicitario! Chiara è stata scelta come testimonial da Yves Saint Laurent beauty per realizzare dei video tutorial in cui avrebbe spiegato come usare i prodotti storici della griffe in fatto di make up. Ma il primo video, in cui illustra le proprietà del fondotinta Touch Eclat, è stato accolto con indignazione. Fan e clienti hanno addirittura giurato di non acquistare mai più prodotti YSL. In effetti, Chiara non è una beauty blogger né una make up artist, forse la maison avrebbe dovuto fare una scelta diversa.
Bene, queste sono le mie opinioni, e le vostre? Amate o odiate The blonde salad? Il dibattito è aperto!


Hi my lovely ladies!
Today I want to tell you about Chiara Ferragni, successes and failures of The blonde salad. You know Chiara is the most famous and most wanted Italian fashion blogger, contended by the most important luxury brand, but there are also some epic fails (in my opinion) in her career. Let's examine them!
TOP: her blog. Obviously her first and most important success! The blonde salad's visualisations number is far far away from all the Italian fashion bloggers, and one of the highest in the world. With her determination she has brought the blogging phenomenon in Italy when only a few people knew it, and now a lot of Italian girls are working on it! And most of all, she managed to turn her passion into a real job!
FLOP: her Chiara Ferragni Shoes design activity. Mmm. I dont't like them so much. Mmm. Actually I don't like them at all. I mean, maybe the glitter blinking slipers could be a nice idea, but all her collection seem clearly imitation of great designer such as Yves Saint Laurent or Casadei and so on... This is not a very bad thing if you think about how many imitations we see everyday in lowcost stores but..they are such expensive as the original ones!
TOP: her manager/ex boyfriend. I'm talking about the young (and super hot) businessman who was her boyfriend and co-founder of The blonde salad. Many people think that his great cleaverness and enterpreneurial spirit are the real reason of Chiara's success. And many people disapprove their work together after their break up and her engagement with Andrew Arthur. I think private life is so difficult to talk about, and they must be very intelligent and mature to continue working as a team. Go guys!
FLOP: Caia Jewels. The name of the jewelry brand comes from her nickname when she was a child, and it is basically the only thing I like about it. I'm sorry Chiara, I find mouth bangles and gross writings rings very very bad. They don't fit with her classy style at all!
TOP: her collaborations. Chiara has worked for a lot of famous luxury brands, from Tiffany to Alexander McQueen, from Dior to Alberta Ferretti, always being classy and fabulous! I'm totally in love with her matching ability and her natural elegance, besides haters' comments. And that's because she is a perfect model and web influencer. Definetely not a designer!
FLOP: Redken campaign. Redken is a professional Hair Salon that chose Chiara as fashion ambassador in 2013 and 2014. But in the last weeks, they launched an advertising campaign "Do you want Chiara Ferragni's hair?" that was a total flop. Bad comments fell down on internet and social networks and people criticize Chiara's hair as filth and ugly. I don't agree with this position: Chiara's hair in my opinion is so much better since she is under Redken's wings.
TOP: her family. Of course my opinion is based on what I can see from social networks, but Chiara's family seems to be a nice and creative one. I had the chance to interact with her mum, Marina di Guardo who is a writer and travel blogger, and her sister Valentina Ferragni who is a student and has made some works in fashion field, and I found them so nice and kind.
FLOP: YSL campaign. Another flop advertising campaign! Chiara has been chosen as testimonial for Yves Saint Laurent beauty and she started filming make up tutorials to advertise the griffe's must have. But thw first video, about the Touch Eclat foundation has been orribly judged. A lot of fans and customers has been sworn on never buying YSL products any more. Actually, Chiara is not a beauty blogger, neither a make up artist. Maybe they should have made a better choice.
So, these are my opinions, what about yours? Do you like The blonde salad or not? The debate is open! :)

The blonde salad

Chiara Ferragni shoes

Chiara Ferragni e Riccardo Pozzoli, la foto con cui hanno ufficializzato la rottura sui social network

Caia Jewels

La capsule collection per Steve Madden

Dalla campagna Redken "Vorrei i capelli come Chaiara Ferragni"

Da sinistra: Valentina Ferragni, Marina di Guardo, Chiara Ferragni, Francesca Ferragni

Dal video tutorial di Touch Eclat, YSL




Ciao mie belle fanciulle! Oggi vi voglio parlare di Chiara Ferragni , successi e insuccessi dell...

0 commenti: